La Corte d’Appello di Milano conferma la sentenza di primo grado del Tribunale di Varese, ritenendo non sussistente la responsabilità della Banca per il fatto di un soggetto qualificatosi come dipendente della stessa in presenza di produzione documentale idonea a provare l’inesistenza del rapporto di dipendenza lavorativa.